WIND TRE E VODAFONE SANZIONATE DALL’AGCM!

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha accertato gravi violazioni del codice del consumo da parte di Wind Tre e Vodafone Italia ed ha irrogato sanzioni ad entrambi i gestori per 4,3 milioni di euro a Wind Tre e per 6 milioni di euro a Vodafone.

L’Autorità ha rilevato da parte di Wind Tre e Vodafone la violazione dell’art. 22 del Codice del Consumo, poiché da giugno 2018 non hanno fornito informazioni chiare ed esaustive riguardo alla promozione di offerte “personalizzate” di winback per i servizi di telefonia mobile.

Tali offerte erano indirizzate agli ex clienti, che venivano contattati prevalentemente tramite sms, nei quali venivano riportati solo le condizioni del piano tariffario proposto in termini di prezzo e traffico incluso e veniva omesso nel messaggio di indicare gli ulteriori costi come i costi di attivazione, il costo della SIM, alcuni vincoli contrattuali quali la durata minima. Sono giunte segnalazioni da parte di alcuni utenti che riferivano di aver sostenuto costi di attivazione di 20-30 euro.

L’Autorità ha ritenuto la condotta dei due gestori telefonici idonea ad indurre in errore il consumatore relativamente al reale contenuto dell’offerta prospettata, inducendolo ad aderire ad una proposta commerciale che altrimenti non avrebbe scelto. Ad entrambi i gestori telefonici, inoltre, è stata contestata la violazione dell’art. 65 del Codice del Consumo, infatti al momento dell’adesione alle offerte di telefonia mobile, Wind Tre e Vodafone hanno pre-attivato ulteriori servizi ed opzioni a pagamento non previste dall’offerta principale, tutto ciò senza che i consumatori avessero espresso alcun consenso.

Tra i servizi accessori attivati da Vodafone ci sarebbero un GB di Riserva, Rete Sicura e Smart Passport+. Quelli invece attivati da Wind Tre sarebbero invece la segreteria telefonica, Ti Ho Cercato, la ricevuta di ritorno SMS ed il 4G LTE per i servizi a marchio Tre che dopo il periodo di promozione comporta un costo di un euro al mese.

L’attivazione di queste ulteriori opzioni a pagamento ha comportato un notevole aggravio di costi per i consumatori che ora però, grazie al provvedimento dell’Autorità, potranno agire ottenere i rimborsi di quanto ingiustamente incassato da Wind Tre e Vodafone.

Se anche tu hai subito i disagi riportati in questo articolo, contattaci per iniziare la procedura che ti porterà ad ottenere il rimborso di quanto ingiustamente pagato a Wind Tre e Vodafone. Sarai seguito da professionisti esperti della materia che faranno valere i tuoi diritti di consumatore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *